NO REGOLE DAY

Dopo il “NO alcol day” e dopo lo strepitoso successo del “NO LIMIT decibel day”, a Cordenons parte una nuova campagna dall’avvincente titolo: “NO REGOLE DAY”. In pratica si tratta di individuare i divieti più odiosi e renderli “aggirabili” un giorno alla settimana. Tale progetto è stato elaborato dopo attenti studi sugli effetti che i divieti provocano sulla psiche, facendo aumentare in maniera esponenziale le tensioni e le frustrazioni e provocando stress emotivo, esplosioni di rabbia, aggressività, paranoie e manie suicide.

Quindi, per il benessere dei cittadini di Cordenons, la Giunta, quasi al completo, sta per  emanare un’ordinanza che prevede la possibilità di non rispettare alcuni obblighi o divieti in giornate concordate, secondo un calendario di prossima pubblicazione sul sito del Comune.

Naturalmente ci sono varie proposte allo studio. Ma anche su questo sarebbe in atto un piccolo scontro (il famoso scontrino) all’interno della maggioranza fra gli assessori leghisti, quelli del Pdl e quelli di F. I..

L’oggetto del contendere sarebbero proprio gli obblighi da “aggirare”. Subito scartati quelli “GENERALI”, tipo pagare tasse e tariffe, rispettare il Regolamento sul conferimento dei rifiuti ed il Codice della strada, perché già spontaneamente ed ampiamente violati, si è pensato ad individuare una serie di obblighi particolari  e diffusamente odiati dai cordenonesi.

Pare quindi che entrerebbero nella rosa:

– l’obbligo di fermarsi al semaforo con il rosso;

– quello di non superare la velocità segnalata;

– quello di tagliare l’erba senza disturbare il riposo

– la guida in stato di ebbrezza

– Il conferimento dell’umido negli appositi contenitori rossi

– il divieto di sputare per terra 

– il divieto di compiere atti osceni in luogo pubblico.

 

Sarebbero pure già stati abbinati i divieti ai giorni

della settimana, secondo il seguente schema:

NO REGOLE 1

Appena si sono diffusi in città alcuni particolari del progetto, sono subito partite le critiche da parte di molti cittadini.

La Giunta, questa volta al completo, dopo essersi consultata con l’enturage del vicesindaco, ha così replicato alle proteste: “Dopo attente verifiche dei “protestatari”, si può tranquillamente affermare che si tratta dei soliti “vecchi, brontoloni, intolleranti, faziosi, comunisti, terroni, islamici, invidiosi, vedove/i sessualmente represse/i, sfigati vari, naturalisti, animalisti, ecologisti, inappetenti, astemi, brufolosi, affetti da costipazione, femministe, tanghisti, buddisti, filosofi, contemplativi, asmatici, animisti e fumatori incalliti” e che per una volta alla settimana si possono anche chiudere un occhio ed un orecchio, meglio se tutti e due”.

Siamo in attesa della pubblicazione

del calendario della trasgressione

sul sito del Comune.

Annunci

Facci ridere, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...