LETTERA APERTA AI GIUDICI DI MILANO

disabile

Sono Aristide Germani, classe 1925, ospite presso una casa di riposo del milanese. A causa del diabete, sono quasi completamente cieco; ho inoltre difficoltà a deambulare e a trattenere le urine, dopo un complicato intervento per cancro alla vescica. A causa di patologie contratte in miniera, dove ho lavorato per 25 anni, respiro a fatica ed ho bisogno della mascherina per molte ore al giorno.

Le mie condizioni non mi permettono più neanche di giocare a carte con gli altri ospiti della struttura e questo mi ha provocato una grave forma di depressione. La vita non è stata certo tenera con me.

Ne ho passate di tutti i colori ed è un vero e proprio miracolo se sono ancora vivo, anche se ridotto molto male. Per questo non capisco il motivo di tanto accanimento nei miei confronti da parte vostra.

Io non ho mai fatto niente di male ed ho la fedina penale pulita. Perché, dunque, mi condannate ad una pena così terribile, cioè ad avere per un anno Silvio Berlusconi fra i piedi?

Annunci

Facci ridere, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...