IL LIBRO DEL MAESTRO (Cap. 10) – Il MAESTRO E LE API

 Maestro Yoda

Mentre lo Maestro, assiso e pensoso, se ne stava sullo scranno, il fido scudiero platinato irrompeva nell’atrio del Palazzo, gridando come un ossesso: “Presto, o mio Maestro, accorri in soccorso de’ villici folpi! Una terribile sciagura s’è abbattuta su di loro”.

Il clamore provocato dagli alti lai de’ lo scudiero platinato destarono il Maestro dal suo torpore e, in un baleno, fu al cospetto dello sventurato scudiero e così lo apostrofò: “Come osi turbare la quiete che regna dentro il Palazzo con codesto sguaiato schiamazzo”?

E quello, risentito alquanto, replicò: ”Oh, Maestro destati da tuo torpore! Il popolo è afflitto da grave sciagura! Un terribile sciame di fameliche api s’è abbattuto sui villici che si recano in cimitero per onorare i defunti!”.

Lo Maestro guardò attonito l’ossigenato scudiero, si stette immobile alquanto senza profferir favella chè gli astanti credettero ch’ei si fosse, come al solito, assopito. Poi, scuotendo un poco il capo, lo Maestro sembrò destarsi e così favellò: “Alle armi, miei prodi – urlò, incitando tutti gli armigeri presenti- giammai lascerò lo popolo indifeso!” E, dopo aver così favellato, si coperse il capo con un retino, indossò un paio di  guantoni e si gittò a gran velocità verso lo cimitero. Durante il tragitto chiamò a sé lo comandante degli armigeri e quello della guardia civica. Il prode drappello armato di tutto punto, lo Maestro audacemente in testa con a fianco la chioma fluente del fido scudiero, venne al cospetto de’ volatili nemici.

api

Le api, come sempre indaffarate in mille occupazioni, poco si curarono della presenza del formidabile quartetto. Irato per questo, lo Maestro eroicamente affrontò le malefiche creature, gridando loro con voce grave: “Bestie immonde, come osate assalire i pacifici villici che varcano la triste soglia per omaggiare i propri cari defunti?”.

Nell’udir tali parole, le api si stettero immobili. Una di esse recossi presso il favo e con voce accorata chiamò la Regina, affinchè profferisse con gli strani personaggi.

La Regina, seguita da un corteo di api damigelle ed api  armigere, venne al cospetto de lo Maestro e così parlò: “Chi se’ tu, con il capo coperto da ridicolo retino che osi disturbare l’operosa vita del mio popolo alato?”. E quello, stizzito, rispose: “So’ lo duce del popolo dei villici che voi assaliste innanzi tempo! Son qui per cacciarvi da lo mio regno!”.

 

ape-regina

 

“Ah – replicò la Regina – se’ tu lo capo de’ morti viventi rinchiusi dentro il Palazzo? Tempo fa costruimmo lo favo proprio dentro lo Palazzo tuo, acciocchè niuno recasse disturbo alla nostra operosa attività. Altre api ci avevano riferito che in codesto Palazzo niuno facea niente, né lo capo, né i fidi scudieri. Insomma il posto ideale per noi. E così costruimmo il favo proprio sotto lo balcone de lo tuo officio, costatando che, davvero, alcuno facesse nulla e che tutti fosse assisi nella totale immobilità. Però, purtroppo, scoprimmo che, pur se immobili ed inoperosi, provocate molto fastidio per le alte grida e gl’insulti che vi scambiate vicendevolmente. Per questo ci siamo trasferiti in codesto posto ove regna la pace: Meglio i morti-morti, chè son più seri, de’ morti viventi come voi chè non fate nulla, ma infastidite molto!”.

Lo Maestro, all’udir tali parole, si fece tutto rosso di rabbia e, sputacchiando a destra e a manca,  urlò a la Regina: “Immonda creatura di Satana, come osi offendere cotanto duce? Vuoi la guerra e la guerra avrai!”. Ciò detto, imbracciò un’arma e spruzzò un liquido espanso dentro le fessure da cui uscivan le creature. Ma quelle risero alquanto di ciò, chè lo Maestro ricoperse di liquido infernale sol le fessure a la sua portata, lasciando intatte quelle appena più in alto da cui le api ripresero le loro occupazioni, lasciando lo Maestro con le pive nel sacco.

Annunci

Facci ridere, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...