ALBUM DELLE FIGURACCE – FIGURACCIA n. 19: PLATINETTE E L’ASCOM

Il nostro, come si sa, ama apparire sulla stampa e non perde occasione per farsi pubblicità. Qualche giorno fa si era vantato della prossima redazione di un “Piano della media e grande distribuzione”.  Peccato, perché subito (il 18 dicembre) gli è arrivata una tramvata da parte dell’Ascom che ha dichiarato che Assessore (Platinette) e Amministrazione avrebbero preso un “Grosso granchio” in quanto non avrebbero tenuto conto della direttiva comunitaria “Bolkestein”, recepita a livello nazionale e regionale, che affida la competenza dello sviluppo commerciale al Piano Regolatore Generale. All’Assessore all’urbanistica, quindi, non a Platinette.

De Benedet 3

Inoltre, vantando il “suo” Piano, Platinette aveva suggerito ai piccoli esercizi di rispondere ai centri commerciali, specializzandosi. Al che l’Ascom ha duramente replicato: ”E’ tipico di chi vuol giustificare la propria incompetenza, se non malafede. Siamo noi, piuttosto, a suggerire all’Assessore (Platinette) una maggiore specializzazione, così da vedersi attribuire un nuovo referato. Magari quello alle Varie ed eventuali”.

Mai avevamo letto parole così pesanti nei confronti di un uomo, sì, perché dietro la corazza di platino si nasconde un uomo. Parole più dure di un macigno che ci hanno costretti a prendere le difese del “nostro” Platinette.

Ma come si permette l’Ascom, per di più di un’altra città, di trattare così un “nostro” Assessore? Cosa pretende, che Platinette legga la direttiva “Bolkestein”? Ma allora lo vuole morto? Non sa che il nostro ha già delle difficoltà con l’italiano, figuriamoci con quel Bolkestein lì! Cosa? Pretende che legga? Che studi? Che approfondisca? Ma, scherziamo?

Forse l’Ascom non sa che Platinette svolge diligentemente il compitino che gli è stato assegnato: un giretto ogni tanto fra gli impianti sportivi; qualche elargizione di contributi “straordinari” ad Associazioni sportive; un caffè fra i vari bar; promettere cose impossibili, come l’assicurazione contro i furti pagata dal Comune; uscire sulla stampa, denunciando che le strutture sportive “Sono in malora”; rinnovare ogni tanto la tinta; offendere ed insultare, falsamente, in Consiglio, qualche ex Assessore; promettere spesso l’immediata sostituzione del parquet del Palazzetto; offendere senza freni i consiglieri di opposizione; vantarsi di cose mirabolanti che vede solo lui; regolare i conti fra ex del PDL… insomma robette così, una vita tranquilla. Poi, arriva improvvisamente l’Ascom a rovinargli la festa, accusandolo di incompetenza e malafede!

No, non si fa così! Non si può impunemente rovinare la tranquillità di un Assessore! Costituiamo in ogni quartiere i Comitati Difesa Platinette (CODIPLA)

INSOMMA, PROVATE VOI A METTERVI NEI SUOI PANNI E, SOPRATTUTTO, SOTTO I SUOI CAPELLI

Annunci

Facci ridere, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...