STORIA DI PARQUET, DI ASSESSORE, DI ALLENATRICE, DI SINDACO E DI MENZOGNA

C’era una volta un assessore allo sport appena nominato, un certo De Benedet, meglio conosciuto come “Platinette” a causa della fluente chioma platinata. Questo assessore era molto ciarliero, soprattutto con i giornalisti. Un bel giorno, apriti cielo, un pezzo del parquet del Palazzetto dello sport, probabilmente non ancora informato del nuovo corso politico,  si sollevò, provocando le ire del neo assessore che, da allora, per mesi, ribattè sulla stampa locale che il parquet si sollevava per colpa della precedente amministrazione della “sinistra”. Il neo assessore, probabilmente, ritiene che il parquet “si solleva” (inteso come sinonimo di “si ribella”), perché “sobillato” dalla sinistra per fargli un dispetto.

Inutilmente l’ex assessore (della sinistra) Mazzacani, comunicò “urbi et orbi” che il parquet, ahimè, si sollevava anche prima, senza che nessuno lo sobillasse, e che lo si metteva a posto senza tante chiacchiere, in attesa di reperire fondi per una sistemazione definitiva.

Dopo mesi e mesi di interventi sulla stampa locale, giunse la fatidica data del 1 agosto, quando in un’intervista al Messaggero Veneto, Anna Fenos, allenatrice del Volley Futura, dichiarò:”A promettere un intervento era stato, nei mesi scorsi, l’assessore allo sport Cesare De Benedet. «Non da ultimo anche il sindaco – riferisce Anna Fenos –, che ho sollecitato sul problema anche una ventina di giorni fa. Mi ha dato rassicurazioni che i soldi a bilancio ci sono e che provvederanno, e io voglio fidarmi».

Dunque, il 1 agosto Anna Fenos dichiarò che una ventina di giorni prima il Sindaco Mario Tse Ong aveva assicurato che i soldi a bilancio c’erano. Bene, peccato che una settimana dopo, l’8 agosto, De Benedet in un’intervista allo stesso quotidiano ha dichiarato: «La volontà di rimettere a nuovo il parquet del palazzetto comunale c’è, ma tutto dipende se la Regione ci darà la copertura del mutuo che dovremmo sottoscrivere per coprire i costi. Parliamo di 120 mila euro, che al momento a bilancio non figurano».

Dunque, dunque…Anna Fenos ha dichiarato che il Sindaco le aveva comunicato, 20 giorni prima, che i soldi a bilancio c’erano; De Benedet, invece, una settimana dopo, ha dichiarato che i soldi a bilancio non ci sono. E’ evidente che qualcuno mente. Ma chi? Possiamo ipotizzare delle possibili soluzioni:

  1. Il Sindaco Mario Tse Ong ha mentito ad Anna Fenos

  2. Anna Fenos ha mentito alla giornalista del Messaggero

  3. De Benedet ha mentito alla giornalista del Messaggero

  4. De Benedet ha mentito ad Anna Fenos

E da allora l’assessore De Benedet continua a rilasciare interviste…e la Fenos continua a fidarsi…

E vissero tutti felici e contenti, compreso il parquet, che è di sinistra e “si solleva”, mentre il linoleum, come tutti sanno, è di destra…

 

 

Annunci

3 pensieri su “STORIA DI PARQUET, DI ASSESSORE, DI ALLENATRICE, DI SINDACO E DI MENZOGNA

Facci ridere, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...